ANTIFURTI E VIDEOSORVEGLIANZA NEBBIOGENI DETRAZIONE FISCALE 50%l

Come funziona la detrazione 50% per allarme e videosorveglianza

La guida dell’Agenzia delle Entrate “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali”, redatta sulla base del Decreto, inserisce tra gli interventi detraibili ai fini della prevenzione del compimento di atti illeciti anche:

    •   l’installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti
    •   apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline
    •   fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati.
    •   Rafforzamento,sostituzione o istallazione cancellate o recinzioni murarie degli edifici
    •  Apposizione  grate sulle finestre o loro sostituzione
    • Porte  blindate o rinforzate
    •  Apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini
    •  Installazione di rilevatori  di apertura e di effrazione sui serramenti
    •  Apposizione di saracinesche
    •  Tapparelle metalliche con bloccaggi
    •  Vetri antisfondamento
    •  Casseforti a muro
    •  Fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati
    •  Apparecchi  rilevatori di prevenzione antifurto

Quindi acquistare e montare un impianto di allarme o un sistema di videosorveglianza  o un antifurto nebbiogeno VULCANO per aumentare la propria sicurezza risulterà molto conveniente tenendo conto  che anche l’iva è soggetta ad agevolazione una parte infatti sarà al 10% ed il resto al 22% se in ambito privato (vedi articolo  beni significativi). Saranno agevolate non solo le installazioni che riguardano singole unità abitative ma anche le le installazioni che interessano interi condomini. La recente nuova disciplina del condominio stabilisce che è lecita l’installazione della videosorveglianza nei condomini, l’importante è che ci sia la delibera di approvazione da parte dell’assemblea condominiale. La detrazione verrà ripartita in dieci rate annuali, la prima nell’anno in cui sono stati effettuati i lavori e le altri negli anni successivi.

C’è anche da dire che il Decreto Sviluppo permette di detrarre non solo l’acquisto di impianti di allarme e sistemi di videosorveglianza, antifurti nebbiogeni, ma anche tutti i costi collegati: perizie, sopralluoghi, progettazione, installazione, oneri di urbanizzazione. Il limite massimo di spesa con la detrazione 50% è 96.000 euro.

Inoltre questo bonus fiscale non spetta solo ai proprietari dell’immobile, ma anche ai titolari di un diritto, tramite uso o usufrutto, e agli inquilini; cioè chi sostiene le spese per gli impianti di allarme e videosorveglianza.
Per usufruire del bonus fiscale non è più necessario inviare la comunicazione dell’inizio dei lavori al Centro operativo di Pescara. È invece fondamentale che i costi siano pagati esclusivamente con bonifico bancario o postale, e che vi siano inseriti alcuni dati: codice fiscale di chi paga e chi beneficia del pagamento e causale del versamento.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI